Nessuno nota la differenza

elitemedicaLa sostituzione dei denti persi comporta il coinvolgimento degli elementi contigui alla mancanza, spesso sani.In alcuni casi le condizioni non permettono di ottenere protesi fisse, e si è costretti a ricorrere ad apparecchi 'mobili', che vanno rimossi e puliti dopo ogni pasto.

L'implantologia consiste nel posizionamento chirurgico di strutture cilindriche in titanio all'interno dell'osso nelle sedi corrispondenti alle mancanze, che verranno usate come 'radici artificiali'.

elitemedica

L'implantologia è indicata per tutte le età

Il timore di perdere i denti è qualcosa che purtroppo preoccupa molti di noi. Oggi la perdita dei denti non costituisce più un problema permanente. Il trattamento implantare si avvale di un metodo affidabile per la sostituzione di un dente singolo, di più denti........oppure dell'intera dentatura. 

I nuovi denti appariranno naturali e permetteranno di vivere, sorridere e assaporare la vita in assoluta libertà e piena fiducia in se stessi.

elitemedica

Si torna ad essere naturali

Questo ci permette di non coinvolgere i denti contigui né con preparazioni che ne compromettano l'integrità né usandoli come appoggi per ganci o attacchi che molto spesso ne riducono la stabilità.

Nella grande maggioranza dei casi, inoltre, si possono ottenere protesi fisse, che non devono essere rimosse e possono essere pulite come se fossero denti naturali.

elitemedica

Quali sono i vantaggi?

I vantaggi dell’implantologia dentale sono:
  • Sostituzione del dente o dei denti mancanti in modo funzionale, estetico, duraturo nel tempo e predicibile nel successo.
  • Conservazione dell’integrità dei denti naturali vicini ai denti mancanti che non vengono coinvolti nella protesi.
  • Ricostruzione e conservazione dell’anatomia di osso e gengive delle aree edentule
elitemedica

È il modo migliore per ritrovare il sorriso

Gli impianti possono essere posizionati in qualunque momento: sia subito dopo l'estrazione che a distanza di anni, a patto che lo spessore residuo dell'osso sia sufficiente a garantire stabilità.

Esistono comunque tecniche chirurgiche avanzate che consentono l'uso degli impianti in pressoché tutte le condizioni ossee.
elitemedica

Ma possono farla tutti?


La moderna implantologia, con l’ausilio di materiali e superfici che riescono ad integrarsi con l’osso anche nelle condizioni meno vantaggiose, permette di risolvere quasi ogni caso di edentulia (mancanza di denti) sia parziale che totale.

Tutti, praticamente sono soggetti che possono ricevere impianti.

elitemedica

Proprio tutti?


Esistono delle controindicazioni, ovvero condizioni in cui viene sconsigliata l’implantologia, e queste possono essere assolute o relative, di carattere generale o locale, oppure temporanee o permanenti.

La storia clinica, attraverso un questionario sulla salute attuale e remota, darà al medico, o chirurgo implantologo, tutte quelle informazioni per poter indicare o sconsigliare l’implantologia.

elitemedicaCome si inserisce un impianto?


L’impianto è una radice artificiale che sostituisce la radice del dente naturale andata perduta. L’intervento viene eseguito in anestesia locale, e per applicare l’impianto è necessario fare una piccola incisione sulla gengiva, dopodiché viene inserito l’impianto nell’osso e la gengiva richiusa con una sutura al di sopra di esso. L’intervento dura circa 20 minuti per ogni singola radice impiantata e non comporta dolore. Al termine al paziente viene prescritta una cura di antibiotici e antinfiammatori per escludere infezioni e disagi postoperatori. La rimozione delle strutture chirurgiche avviene dopo circa una settimana dall'intervento.

elitemedicaPuò fallire un impianto?


Le cause del fallimento sono poche nella moderna implantologia, sempreché l’operatore sia esperto e i materiali idonei, ma ci sono delle condizioni che possono determinare la mancata integrazione dell’impianto all’osso. Il successo implantare è quindi strettamente correlato alla conoscenza della materia ed implica perizia da parte dell'implantologo nel campo biologico, chirurgico, protesico. Le cause di insuccesso in implantologia dentale, quando si risponde agli standard di qualità, sono rare e quantificabili secondo la letteratura internazionale a circa 3-4%.

elitemedicaQuanto dura un impianto?


Possiamo definire un successo implantare quando l’impianto è perfettamente integrato nell’osso e la protesi viene correttamente costruita e rimane stabile e funzionante nel tempo. Quando tutte le condizioni di protesi adeguata, igiene, controllo sono soddisfatte otteniamo e (possiamo prevederlo) un successo implantare valutabile a 15-20 anni.

elitemedicaQuesto risultato però deve essere mantenuto con un’ottima igiene per evitare che i batteri della placca vadano a depositarsi intorno all’impianto e determinino sofferenza e perdita dell’osso di sostegno, come del resto succede ai denti naturali. I controlli devono essere periodici nel tempo e valutati dal medico poiché l’impianto, a differenza dei nostri denti, non fa male e quindi i sintomi di eventuali infezioni ed infiammazioni possono passare inosservati e non essere avvertiti dal paziente se non quando diventano importanti. Il controllo quindi serve a preservare e ad allungare la vita di un impianto come quella di un dente naturale